Home / Corsi Nordic Walking / 28 e 29 luglio 2017 Corso Base di Nordic Walking al Castello di Montorio (VR) 30 luglio 2017 allenamento al Rifugio Telegrafo Monte Baldo Lago di Garda

28 e 29 luglio 2017 Corso Base di Nordic Walking al Castello di Montorio (VR) 30 luglio 2017 allenamento al Rifugio Telegrafo Monte Baldo Lago di Garda

Corso Base di Nordic Walking:

Venerdì 28 luglio 2017 introduzione alla tecnica del nordic walking dalle ore 19.30 alle ore 21.30
Sabato 29 luglio 2017 apprendimento della tecnica del nordic walking dalle ore 7.30 alle ore 9.30
Domenica 30 luglio 2017  allenamento al Rifugio Telegrafo Monte Baldo Lago di Garda. Partenza da Verona alle ore 7.00

Il corso si svolgerà presso il Castello di Montorio (Verona).

CastelloMontorio

Il corso è valido anche come avviamento alla preparazione di futuri aspiranti istruttori di Nordic Walking e per acquisire la qualifica di “Aiuto Istruttore”.

Il Corso Base di Nordic Walking (INDISPENSABILE PER POTER PARTECIPARE A TUTTE LE USCITE PROPOSTE DA NORDIC WALKING TAO®) è utile per apprendere la tecnica del nordic walking cui seguirà una camminata finale durante la quale verrà messo in pratica il movimento e verranno corretti eventuali errori di impostazione.

E’ consigliato abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica.

Per poter partecipare al corso è obbligatorio produrre il certificato medico di idoneità sportiva non agonistica, corredato della rilevazione della pressione arteriosa e del tracciato ECG.

N.B.: AL CORSO E’ GRADITA LA PRESENZA DI CHI AVESSE GIA’ EFFETTUATO IL CORSO BASE DI 1° LIVELLO E VOLESSE “RISPOLVERARE” LA TECNICA, purchè in regola con il rinnovo del tesseramento valido per l’anno 2016/2017 (versando un piccolo contributo).

La tecnica di nordic walking deriva dall’allenamento praticato dai fondisti dei paesi nordici per allenarsi in qualsiasi stagione eseguendo un gesto sportivo simile a quello dello sci di fondo.  Nasce in Finlandia all’incirca negli anni ’90 dove solo intorno al 1998 il numero dei praticanti esplose passando da poche decine a più di 100.000 persone.

Si pratica all’aria aperta, fa bene al cuore e alla circolazione, rafforza braccia e spalle, migliora la postura della schiena e tonifica glutei e addominali. E’ un nuovo modo di praticare sport che si sta affermando in tutto il mondo; per tutti e per tutto l’anno che offre un modo facile, poco costoso e divertente per gustare uno stile di vita sano e attivo.

Il Nordic Walking non è una semplice passeggiata con l’utilizzo dei bastoncini. In realtà il sistema è diverso e molto più complesso: il bastoncino non viene usato come un semplice punto di appoggio, ma funziona soprattutto nella fase in cui si imprime la spinta.

Il nostro allenamento a Punta Telegrafo (m.2.200) e rifugio ‘G.Barana’ al Telegrafo, prevede ampie vedute sull’intero Lago di Garda.

RifugioTelegrafo

MonteBaldo1

Il Monte Baldo è una lunga catena di oltre 40 km. che si estente tra le provincie di Trento e di Verona in senso nord-est sud-ovest a separare due grandi valli che, modellate dai ghiacciai quaternari, hanno dato origine al lago di Garda e alla Val d’Adige.

Il gruppo è generalmente suddiviso in dorsale del Baldo, culminante alla Punta Telegrafo (m. 2200) e monte Altissimo di Nago (m. 2070).
Nella parte meridionale, inoltre, si trova un’ampia conca tra la dorsale del Baldo e le ripide scarpate sulla Val d’Adige, tra il Novezzina e Spiazzi di Ferrara di Monte Baldo, a formare il bellissimo altopiano prativo dove si trova Ferrara di Monte Baldo.

Verso sud, dove le valli del Garda e dell’Adige si estendono e quasi si sfiorano, il Baldo degrada verso la conca collinare di Caprino Veronese.

I due versanti principali del rilievo montuoso presentano caratteristiche nettamente diverse. Verso il lago di Garda è una compatta struttura, quasi una lunga bancata, molto ripida e selvaggia fittamente coperta a boschi e boscaglia. Verso est, invece, presenta declivi che a tratti formano ampie piattaforme pascolive prima della grande spaccatura della Val d’Adige sulla quale si affacciano muraglie rocciose. La parte più settentrionale presenta profondissimi valloni quasi racchiusi dalla spaccatura del lago che da qui sembra uno stretto fiordo.

Il clima di tutto il gruppo è sempre piuttosto mite, influenzato soprattutto dalla presenza del lago, ma l’umidità proveniente sia dal lago come anche dalla vicina pianura caratterizzano la montagna per le nebbie, i vasti nuvoloni ed i temporali.

Il Baldo, un tempo la montagna dei pastori per via delle grandi zone di pascolo sfruttate da tempi immemorabili, è anche definito il giardino d’Italia per la straordinaria quantità e rarità di specie vegetali ed in particolare per le spettacolari fioriture. Molte di esse sono residui glaciali sopravvisuti sul monte che emergeva come un’isola tra le enormi colate di ghiaccio.
Il nome deriva dal tedesco wald, selva.

Il monte Baldo è costituito prevalentemente da rocce carbonatiche sedimentarie marine, calcari e dolomie, depositi del Triassico e Oligocene (200 mil. anni fa e 60 mil. di anni fa)
L’esteso ‘wafer’ sedimentario è stato sottoposto a forti azioni di compressione e spinte di sollevamento tettonico esercitate dalle masse prealpine bresciane da ovest e dai Lessini da est.
L’innalzamento della dorsale, iniziato circa 40 mil. di anni fa, ha comportato le due fratture tettoniche della grande fossa del lago di Garda e, successivamente, il canyon della Val Lagarina.
Con le varie glaciazioni il monte era completamente circondato dalle lingue glaciali, in particolare dal grande ghiacciaio del Garda che raggiungeva uno spessore di oltre 1000 metri di ghiaccio.
Ampi circhi glaciali hanno caratterizzato anche la dorsale sommitale del monte formando degli anfiteatri morenici caratteristici e ancora visibili.
Il fenomeno ha comportato l’isolamento di specie floreali artiche e subartiche con la conseguente selezione di numerosi endemismi floreali, gioia e interesse per i botanici.

RifugioTelegrafo1

Per raggiungere il Rifugio Telegrafo sul Monte Baldo percorreremo:

Sentieri CAI 656 “Lino Ottaviani” + 658
(Valfredda 1321m – Rifugio Telegrafo 2147m)

Difficoltà: ***** media
Dislivello in salita: 880m
Tempo di percorrenza: 2
h 45min
Principali difficoltà: nessuna.
Descrizione: itinerario lungo, ma con una piacevole distribuzione del dislivello e un’ampia vista sul Garda. Inizia con un tratto di sentiero dedicato alla Guida Alpina Lino Ottaviani e che parte dal tornante lungo la strada che collega la “Graziani” con Località Valfredda, in corrispondenza del baito di Malga Valfredda Crocetta. Per arrivarci, arrivati in località Spiazzi, terremo la sinistra per Novezza. Dopo 2km circa ancora a sinistra per raggiungere prima l’agritur Malga Ime, poi il punto di partenza.

MalgaImeRifugioTelegrafo

E’ in cantiere, ma ancora in fase embrionale, la Grande Festa del Tesseramento prevista per i giorni 16 e 17 settembre 2017stay tuned!!!

Per tutte le informazioni mi puoi contattare:

Maria Daniela Trentini – 349 4598108

Formatore Sportivo Nazionale AICS di Nordic Walking
Responsabile provinciale AICS di Nordic Walking

Promoter KV+ per Verona e Vicenza

Naturopata ed Operatrice Shiatsu,
diplomata presso la Scuola di Naturopatia dell’Istituto Riza di Milano,
ideatrice e promotrice di Stretching Emozionale®…la Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima…
Autrice di *Stretching Emozionale* (Casa Editrice OI Books & Guides)
Maestro Formatore in “Stretching Emozionale®…la Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima…”
Consulente in Floriterapia dei Fiori di Bach secondo le “Nuove Terapie Esoteriche” di Dietmar Krämer.

daniela.trentini@tiscali.it (e-mail)
www.nordicwalkingtaoverona.it

www.stretchingemozionale.it

LogoAicsTao-001-001

Riguardo a admin

Guarda anche

Programma E-state con noi 2018!

Per tutta l’estate, fino a scadenza dell’anno associativo 2017/2018, ed esattamente fino al 31 agosto …