Home / Senza categoria / Diario di Viaggio in Armenia…inaspettato Nordic-Trekking-Culturale nel ventre della Grande Madre. Un viaggio all’inizio del tempo, al centro della terra…terra di sorgenti sacre e rocce che parlano…5^ tappa

Diario di Viaggio in Armenia…inaspettato Nordic-Trekking-Culturale nel ventre della Grande Madre. Un viaggio all’inizio del tempo, al centro della terra…terra di sorgenti sacre e rocce che parlano…5^ tappa

YEGHEGNADZOR – Yeghegis – Zorats Church – PASSO SELIM – Caravanserraglio – NORADUZ – SEVANAVANK – DILIJAN Tappa di trasferimento (senza cammino a piedi; se si vuole si può camminare qualche chilometro nei pressi del Caravanserraglio medievale di Passo Selim – 2.410 m). Si visitano: il Caravanserraglio medievale di Selim (anno 1332); il cimitero medievale di Noraduz, che conserva quasi mille khachkar (sono croci scolpite come ricami su pietra di tufo, che connotano tutto il territorio armeno); il Monastero della penisola di Sevan e la strada Sharambeyan, che mostra la vecchia Dilijan.

Yeghegis – Zorats Church


Zorats Yekeghetsi si trova su una collina che domina il fiume. Recenti scavi hanno portato alla luce un certo numero di fondazioni risalenti al periodo altomedievale, quando fu fondato un monastero. Includono pareti e finestre ben conservate.

Un certo numero di rozze pietre tombali giacciono sul terreno di fronte alla chiesa, e sono piuttosto rivelatrici; ognuno reca un’apertura per occhi accuratamente scolpita ad un’estremità. Lo scopo di questi buchi non è chiaro, sebbene i ricercatori credano che le pietre siano antiche e suggeriscono che si tratta di un sito di culto molto antico, convertito all’utilizzo cristiano in tenera età. Altre pietre risalgono a periodi successivi, tra cui diversi khachkars (croci di pietra) ben scolpiti.

La chiesa fu dedicata nel 1303 dall’arcivescovo Stepanos, nipote del principe Tarsaiyich Orbelian, il cui castello si trovava in Areni. A quel tempo, l’Armenia era un affluente dei Mongoli (1242-1344 circa), signori armeni e truppe requisite per combattere contro i Mamelucchi e le tribù Turko rinnegate in lizza per le ricche terre del regno.

Zorats è completamente unico nelle chiese armene; non ci sono strutture sopravvissute come questa nel paese. Invece di uno spazio chiuso con soffitto a volta o a cupola, Zorats non ha una sala interna; gli unici spazi coperti sono l’abside dell’altare orientale e i suoi annessi laterali, tutti aperti a un grande cortile occidentale. Inoltre, l’altare è sollevato più del solito, all’incirca all’altezza per qualcuno che deve scendere da cavallo, ed è proprio per questo che è stato costruito in questo modo.

La chiesa fu creata in modo che i guerrieri seduti sui loro cavalli potessero ricevere il sacramento e la benedizione della Chiesa prima di andare in battaglia. La benedizione delle truppe e dei loro cavalli prima della battaglia era comune, ma nessuna altra chiesa in Armenia era stata costruita esattamente per quello scopo, e con l’idea di portare sia il destriero che il soldato nel santuario all’aperto.

Gli armeni erano famosi nella battaglia contro la Siria nello stesso anno in cui fu costruita la chiesa di Zorats – e anche come truppe furono arruolate per combattere i mamelucchi e le tribù rivali come parte dei doveri degli armeni come affluente mongolo.

La chiesa è stata ampiamente rinnovata nel XX secolo e gli scavi nell’area circostante sono in corso.

Passo Selim – 2.410 m). Caravanserraglio medievale di Selim (anno 1332)

Il caravanserraglio del passo di Selim è uno dei tanti dell’Armenia. Questi fungevano da alloggio notturno per le carovane cariche per l’Europa e per l’Oriente.

Molti pensano che la “Via della Seta” sia solo una strada ma in realtà esistevano tante vie che collegavano l’Oriente con l’Occidente alcune via terra, alcune via mare. Questi collegamenti si incrociavano in Armenia e collegavano l’oriente con l’occidente, il sud con il nord. Le vie più utilizzate passavano per le vallate in vicinanza di fiumi e di laghi. I caravanserragli, dove trovavano alloggio i componenti delle carovane e i loro animali carichi, indicavano l’itinerario della Via della Seta dell’Armenia. Il caravanserraglio del passo di Selim è quello conservato meglio.

L’iscrizione sull’architrave fa datare la costruzione al 1326-1327 anche se la costruzione fu terminata nel 1332 da parte del principe Cesar Orbelian e dai suoi fratelli durante il regno del Khan Abu Said Bahadar “dominatore del mondo”. Abu Said (secondo gli scrittori arabi “Bussayyid khan”), è considerato l’ultimo khan colto dell’impero mongolo; la sua morte (1335) mise fine al khanato dei Principi. I due bassorilievi della facciata (animale alato – sirena e toro) sono gli stemmi del casato principale Orbelian.

L’iscrizione completa dice:

“Nel nome dell’onnipotente e poderoso Dio, nell’anno 1332, durante il regno del dominatore del mondo Bussayyid Khan, io, Cesar, figlio del Principe dei Principi Liparit e mia madre Anna, nipote di Ivane’, e i miei fratelli belli come i leoni: il principe Burtel (Burtegh), Smbat ed Elikum della nazione Orbelian, e mia moglie, Khorishah, figlia di Vardan dei Senikariman, con i nostri mezzi costruimmo questa casa spirituale per le nostre anime e per le anime dei nostri genitori e fratelli che riposano in Cristo, e per i miei figli e fratelli che sono in vita: Sarghis, Hovhannes il sacerdote, Kurd e Vardan. Vi supplichiamo, passanti, ricordateci in Cristo. La costruzione inizio’ con il sacerdozio di Yessai e termino’ grazie alle sue preghiere, nel 1332”.

“Liparit, Principe dei Principi” e’ il nipote del benefattore della chiesa S. Karapet di Noravank. Burtel commissiono’ la costruzione della chiesa S. Astvazazin (Burtelashen) di Noravank, e Elikum è il pronipote dell’ultimo libero governatore principe Elikum Orbelian.

Distrutto nei secoli 15˚-16˚, il caravanserraglio fu restaurato nel 1956-1959.

La struttura di basalto è formata da 2 edifici collegati. Dal lato orientale c’è il vestibolo, un salone lungo (13.0 x 26.0 m.) che con bassi supporti divide in 3 parti il tetto arcato. Il lato occidentale è diviso in due stanze destinate ai padroni della carovana. L’entrata ha una decorazione a forma di stalattite.

Ad est del caravanserraglio c’è un’ampia cappella a volta seminterrata.

Il Caravanserraglio Selim Pass è a circa 2-3 ore da Yerevan.
NORADUZ il cimitero medievale, che conserva quasi mille khachkar (sono croci scolpite come ricami su pietra di tufo, che connotano tutto il territorio armeno)

Noratus (chiamato anche Noraduz, alt 1934 m.) È un sito antico, con numerosi monumenti di età del bronzo e del ferro. Il villaggio di oggi fu fondato nel 1829, ma nel Medio Evo venne menzionata anche Noratus, come città rurale. Alcuni credono che sia la città-fortezza regionale fondata da Gegham Nahapet (patriarca), che la chiamò Noratuns (nuova casa). Le strutture medievali del sito risalgono ai secoli IX-XVII.

Fino al 19 ° secolo Noratus era il centro amministrativo della provincia di Ts’mak. Come parte delle proprietà terriere zaresi del XIV-XIV secolo, l’insediamento divenne la loro sede, il loro governatore descritto nelle iscrizioni come un “demetar” e “meporel” (leader). Nel 16 ° secolo il principe Melik Barik della dinasta azario (una delle quattro dinastie di Gegharkunik) spostò il suo posto dal vicino Gandzak a Noratus.

Tra le leggende di Noratus, una descrive l’invasione della regione da parte dei turchi ottomani e la loro battaglia contro il principe armeno Gegham. Mancando soldati, Gegham ordinò al suo popolo di vestire i khachkar di Noratus con uniformi per far apparire le sue truppe come una grande forza da distanza. Cadendo per l’inganno, gli ottomani corsero in preda al panico, permettendo alle forze di Gegham di attaccare e sconfiggere il nemico in ritirata.

I Khachkar sono sparsi in tutto il villaggio.

[…] Noratus è famosa soprattutto per questo cimitero, la cui parte più antica comprende oltre 800 khachkar (croci di pietra), scolpiti tra il IX e il XVII secolo.

Le incisioni provengono da ogni fase dello sviluppo della forma d’arte, che vengono distillate in tre periodi principali: 9-10-cc, 11 -12 ° cc e 13 -16 ° cc.

Il campo di Noratus era il secondo campo di khachkars esistente fino a quando il campo più ampio di circa 2.500 khachkars a Jugha (Nakhichevan) fu sistematicamente distrutto dall’Azerbaijan nel 1998-2005. Poche pietre Jugha sopravvivono, principalmente a Echmiadzin. Dopo la distruzione del campo di Jugha, Noratus divenne la più grande raccolta rimasta di khachkars nel mondo.

Tra i contributi unici dell’Armenia al patrimonio mondiale, uno dei suoi più originali è il Khachkar (Croce di pietra). Basato sulle antiche tradizioni dell’arte degli obelischi, l’ascesa del khachkar raggiunse il suo apice nel Medioevo. Noratus ha molti esempi eccellenti di ogni periodo del loro sviluppo.

Le origini del khachkar risalgono al periodo pre-cristiano, per scolpire idoli monumentali di culto dell’acqua eretti a fonti d’acqua, conosciute come visans (pietre di drago). Si trovano sulla catena montuosa di Geghama, sul monte. Aragats, in Vayots Dzor e in altri luoghi. In seguito, i re urartiani eressero obelischi su piedistalli per iscrizioni e proclamazioni (VIII-VII secolo a.C.) che sono considerati archetipi della forma khachkar. Alcuni degli obelischi più famosi sono a Zvartnots (re Rusa II), Garni (Argishti) e Van (l’attuale Turchia). Obelischi e stele del periodo ellenistico possono essere trovati nei siti di culto pagani e sulle strade che collegano le comunità.

Nel quarto-quinto secolo furono eretti obelischi a forma di colonna con croci sui bordi del monte. Aragats, specialmente a Talin (Aragatsotn marz) e Artik (Shirak marz). Come i primi cristiani convertirono i templi pagani in chiese, spesso eressero il simbolo della loro nuova religione – la croce – nel sito. È stato registrato che Grigor Lusavorich (Gregory the Illuminator, fondatore della Chiesa Apostolica Armena) eresse croci dove furono uccisi i martiri Santi Hripsimeh e Guyaneh, lungo le strade e nelle piazze. La tradizione afferma che sono state erette croci di legno sull’isola di Sevan, a Sanahin e fino alla Georgia.

La sostituzione della pietra con il legno è fatta risalire al V-VII secolo quando furono incise le croci ad ali aperte. La croce alare fu la base per la nuova forma d’arte armena, il Khachkar, che ottenne la sua forma definitiva nel IX secolo.

Nel IX-X secolo, in seguito al dominio arabo, il paese iniziò a prosperare e le città di Ani, Lori, Kars e Van divennero centri di ricchezza e mecenatismo, ed è in questo periodo che emerse la Khachkar vera e propria […]

“Testo originale a cura del Consiglio internazionale dei monumenti e dei luoghi – Armenia e l’Istituto di archeologia ed etnografia dell’Accademia nazionale delle scienze.”

SEVANAVANK

Il monastero di Sevan (conosciuto anche col nome “Mariamashen”, costruito da Mariam) che si trova a est della citta’ di Sevan, fu fondato sull’isola di Sevan (ora penisola). Dagli scavi si deduce che questo luogo fu abitato sin dall’era neolitica.

Quando nel 301 il re degli armeni Trdat 3˚ il Grande ricevette l’assoluzione da parte di Grigor 1˚ Lussavorich (Illuminatore) , accolse il cristianesimo, e l’Armenia venne ufficialmente proclamata cristiana, ovunque vennero costruite chiese e monasteri. Lo stesso Grigor Lussavorich (Gregorio L’illuminatore) fondo’ le prime due chiese di Sevanavank: S. Harutiun e S. Karapet (in onore di Giovanni il Battista).

Come testimonia l’iscrizione sul muro sud della chiesa di S. Arakeloz, la costruzione e l’ampliamento del monastero del 9˚ secolo e’ legato alla principessa Mariam, figlia di Ashot 1˚ Bagratuni (fondatore della dinastia dei Bagratuni). Il monastero fiorisce durante la guida di Mashtoz Yeghivardezi. Il metropolita di Syunik Stepanos Orbelian, storico del 13˚ secolo, scrive:

“In quegli anni brillava con le sue virtu’ sull’isola di Sevan il beato Mashtoz che era figlio di un prete di nome Grigor Yeghivardezi. Ancora laico Grigor I si trasferi’ nella provincia di Sotk. Fu allievo di Stepanos, l’abate del monastero di Machenozaz. Qui ricevette tutta la sua formazione e venne ordinato sacerdote dal vescovo di Syunik Ter-Davit. Da li’ si trasferi’ all’anapat, Aparank di Artavazd, e poi nell’isola di Sevan. Dopo una vita ascetica, ricevette nel sonno il comando di costruire una chiesa in onore di 12 apostoli e fondare una congregazione. Nel sogno gli vengono incontro i 12 apostoli, camminando sul lago, e gli mostrano il luogo dove costruire la chiesa”.
Dopo questa visione, spinto dalla potenza divina, insieme a Mariam, moglie di Vassak Syuni, intraprende la costruzione di due meravigliose chiese: una in onore degli apostoli e l’altra in onore della Madonna (S. Astvazazin). Dotandolo di tanti paramenti sacri mettono in piedi la casa di Dio e la dimora degli uomini di Dio nell’anno armeno 323 (nel 874)”.

A Sevan visse’ e opero’ Hovhannes Draskhanakertzi, storico del 10˚ secolo e katholikos. Nel monastero si rifugio’ il re Ashot 2˚ (Ashot Yerkat) che nel 924-925, vinse la battaglia di Sevan contro gli arabi e rinforzo’ il regno dei Bagratuni.

Durante le invasioni dei mongoli, di Tamerlano (ecc.) il monastero fu saccheggiato e distrutto. La ricostruzione comincio’ nel 1441, dopo la reintegrazione della Santa Sede a Echmiazin. Nel 1451 fu fondato il seminario di Sevanavank il cui programma di studi riprendeva quello dell’universita’ di Tatev.

Durante gli anni sovietici il monastero venne chiuso (La chiesa di S. Astvazazin fu demolita e le pietre furono usate come materiale edile per costruire una casa di riposo a Sevan. Il monastero fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1936. Dagli anni 90 in poi il monastero rifiorisce con la vita religiosa e con il seminario. Attualmente si trova in fase di restauro. Il monastero di Sevan e’ uno dei luoghi storico-culturali piu’ famosi dell’Armenia.

Il complesso e’ costituito da due chiese, dalle rovine del gavit, dalle celle parzialmente ricostruite dei monaci, dalla biblioteca e dalle fondamenta della chiesa di S. Harutiun. La chiesa S. Astvazazin e il gavit vicino non esistono piu’. Tutte le costruzioni del complesso si trovano sulla parte sud-ovest della collina e guardano il lago Sevan. Sono conservate anche le fondamenta dei muri interni ed esterni del complesso e costruzioni residenziali.

Fino al 9˚ secolo il monastero aveva due chiese: La piccola chiesa di S. Karapet e la chiesa ampia di tre navate di S. Harutiun che vennero costruite nel 305 da parte di Grigor 1˚ L’Illuminatore (S. Harutiun fu costruito nel luogo di un tempio pagano). Nel 9˚ secolo, il periodo del regno di Ashot 1˚ Bagratuni e i 200 anni successivi del regno Bagratuniaz furono favorevoli alla rinascita culturale ed economica dell’Armenia. Furono costruiti monasteri e chiese, cosi’ anche nel monastero di Sevan.

Secondo gli storici armeni, la principessa Mariam, moglie del principe di Syunik Vassak Gabur e figlia del re Ashot 1˚ Bagratuni, fece il voto di costruire 30 chiese in memoria di suo marito (morto prematuramente). Dopo un incontro con l’abate del monastero di Sevan e il futuro katholikos Mashtoz Yeghivardezi accetto’ di finanziare l’allargamento del monastero e la costruzione delle chiese di S. Arakeloz e di S. Astvazazin.

Vennero costruite anche celle dei monaci, costruzioni di servizio e un gavit di 4 colonne vicino alla chiesa di S. Astvazazin le cui due colonne che si conservano e i loro capitelli ornati di legno ora sono esposte nel museo statale di Storia di Yerevan.

La chiesa di S. Karapet e’ una piccola costruzione a croce con cupola che ha tre altari. Fu completamente ricostruita alla fine del 9˚ secolo. La composizione con tre altari e’ conosciuta anche col nome “trifoglio” che fu preso dall’architettura gotica, secondo la quale la parte centrale della chiesa ha una forma di trifoglio (grazie ai 3 cerchi parzialmente incrociati). L’architrave dell’entrata sud-ovest ha una composizione semplice.

DILIJAN
Pernottamento a Hotel Dilijan Resort
Situato nella località benessere di Dilijan, questo albergo a **** stelle presenta una vista panoramica sul Parco Nazionale di Dilijan.

 

Riguardo a Nordic Walking Staff

Nordic Walking Staff
Il Nordic Walking è una tecnica che oltre ad insegnare a godere e riscoprire la natura, dato che si pratica all’aria aperta, fa bene al cuore e alla circolazione, rafforza braccia e spalle, migliora la postura della schiena e tonifica glutei e addominali. E’ un modo facile, poco costoso e divertente di gustare uno stile di vita sano ed attivo.

Guarda anche

26 agosto 2018 Sing the Glory – Coro Gospel – Nordic Walking al Rifugio Lausen

SING THE GLORY , amici di vecchia data per voi/noi, un gruppo che grazie alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *